Viaggi in Senegal

Turismo responsabile in Senegal

PROGETTI

settembre 2, 2009

GRUPPI di persone – cooperative – assocciazioni – LOCALI

beneficiari delle contribuzioni solidali previste nella quota di partecipazione ai nostri itinerari, e/o da noi direttamente sostenuti:

GRUPPO D’ARTE AFRICA MATIMBO (Grand Yoff, Dakar) origine: Guinea – percussioni e coreografie – scuola di musica tradizionale dell’Africa Occidentale e danza, costruzione e vendita di strumenti musicali.

GRUPPO D’ARTE ORCHESTRA BAY FALL (Parcelles Assainies Dakar) origine Africa occidentale, composta da griot mandinka, guineani e musicisti baye fall senegalesi; corsi base di djembé, spettacoli, vendita cd.

FAMIGLIA DI GRIOT CISSOKHOMbour – incontri multiculturali, spettacoli, vendita strumenti musicali e cd

GRUPPO FOLKLORISTICO TRADIZIONALE DELLE DONNE DEL VILLAGGIO DI PALMARIN Sine Saloum raggruppate in cooperative tradizionali: di quartiere/classe d’etàcanti, ritmi e danze della tradizione serere. Gli spettacoli contribuiscono a finanziare progetti locali legati al microcredito, alla trasformazione di prodotti alimentari all’avvio di altri progetti d’artigianato

COMITATO D’ORGANIZZAZIONE DEL FESTIVAL DI PALMARIN di fine anno di cui Saku gi music rekk è membro fondatore – musica e danze tradizionali – gruppi rap – teatrotornei di lotta tradizionale serere.

GRUPPO D’ARTE KASSO - Kaffountine, Casamance – membro del comitato di organizzzazione del Carnevale di Kafountine nel mese di febbraio – corsi di percussioni, vendita di strumenti musicali.

COOPERATIVA NDEEPE delle donne trasformatrici di prodotti alieutici che operano nel sito presso la sede del service de pêche di Rufisque; le contribuzioni vengono investite in iniziative atte a rafforzare la formazione e il sapere al fine di migliorare la qualità del processo di trasformazione dei prodotti alieutici. In questo modo la cooperativa potrà allineare la qualità del lavoro con quella del vicino sito di Bargny, (per esempio attraverso visite di scambio), le cui produzioni hanno ottenuto il certificato di qualità e sono già oggetto di test commerciali avviati da Fenagie pêche (Federazione Nazionale dei Gruppi di Interesse Economico legate alla pesca) con il fine di aumentarne il margine e allargarne il mercato.

IL GRUPPO DI GIOVANI AGRICOLTORI DI PALMARIN - Sine Saloum, che cercano di implementare l’ attività agricola di sussistenza, legata soprattutto alla coltivazione di miglio, sorgo, arachidi e riso, con l’impianto di piccoli orti e frutteti – il più possibile biologici – al fine di dare un’ opportunità redditizia a una piccola parte dei loro terreni e aumentare la varietà di prodotti per il fabbisogno nutritivo locale.  Il progetto coinvolge 10 giovani contadini ed ex pescatori del villaggio, e 10 angoli di proporzioni identiche ricavati ai margini delle loro rispettive terre, situate all’interno della comunità rurale di Palmarin; per avviare ciascun orto prima di tutto servono le recinzioni per impedire alle mandrie al pascolo di mangiarsi ciò che vi cresce, poi un pozzo e una pompa alimentata, infine bisognerà approvvigionare i semi e le piante da coltivare. Nel 2010/11 quattro orti sono stati avviati e hanno prodotto con successo verdure tipicamente coltivate in altre zone del Paese. Attuamente si stanno testando altre varietà di verdura (anche di alberi da frutto) monitorandone la crescita ed eventuali problematiche legate ai parassiti delle piante.

COMITATO DI GESTIONE DELL’AREA MARINA PROTETTA DI JOAL FADIOUTH – Si tratta di un gruppo di volontari (composto dai rappresentanti locali dei pescatori, delle donne trasformatrici, della municipalità, dell’ente locale per il turismo, dell’associazione per la protezione delle tartarughe marine, della stampa locale ecc), che in collaborazione con i conservatori dell’ente dei Parchi Nazionali Senegalesi, si occupa della gestione della AMP. Le contribuzioni verranno impiegate per: – implementare il monitoraggio dell’area marina protetta, soprattutto nel versante oceanico, al fine di garantire il rispetto delle nuove regole impartite alla pesca nella zona prescritta (es. per l’acquisto di carburante per i giri di sorveglianza in mare che i volontari del comitato effettuano periodicamente a bordo di una piroga); – per sviluppare materiale utile alla sensibilizzazione sui temi dell’ambiente e della biodiversità da divulgare nelle scuole (in collaborazione con il responsabile dei programmi per l’educazione, concepiti all’interno del programma WWF WAMER); – o ancora  per l’organizzazione di feste comunitarie animate dai musicisti locali più amati, in cui si faccia opera di sensibilizzazione per una più sostenibile gestione comunitaria del territorio.

E’ stato inoltre ben accolto il suggerimento della nostra assocciazione per l’avvio di un progetto di compensazione del carbonio, (visto che la destinazione di Joal Fadiouth accoglie ogni anno circa 50.000 turisti i quali per arrivare a destinazione utilizzano voli aerei, auto o pulmini che sono le principali fonti di emissione di carbonio nell’atmosfera), da proporre a tutti gli operatori turistici locali. Le contribuzioni solidali derivanti dall’accoglienza dei nostri viaggi, potrebbero servire a stampare le schede informative per mezzo delle quali tutti i turisti che ne vengono in possesso possono rimediare al problema del carbonio donando un contributo per il rimboscamento della zona lagunare o del litorale.

COOPERATIVA GUETH NDAR di donne che lavorano nell’ omonimo sito di trasformazione a Saint Louis, privo di molti servizi o accessori. La quota progetto viene gestita dalle stesse per l’ approvvigionamento almeno delle cose di prima necessità da loro richieste: come l’acquisto di estintori, scope, coltelli, ombrelloni o tende parasole e per la costruzione di servizi igienici. In attesa del trasferimento in un luogo più consono ad attività di trasformazione di prodotti di genere alimentare.

L’ASSOCIAZIONE KATOUL, di giovani rimpatriati di Kayar: come indicato dall’associazione, una parte della contribuzione viene devoluta alle 3 famiglie del villaggio che si trovano in serie difficoltà in quanto colpite dalla tragedia durante il tentativo d’immigrazione clandestina del padre o del marito; una seconda parte per sostenere i microprogetti d’artigianato dell’associazione. Essendo kayar mèta furtiva dei visitatori del più famoso e non lontano Lago Rosa, gestire una boutique di oggetti d’artigianato può significare per i ragazzi di Katoul un reddito aggiuntivo significativo, rispetto alla quota che incassano  per accompagnare gli stessi clienti per una visita frettolosa del porto.

Altre realtà locali coinvolte dai progetti di viaggio di ’saku gi music rekk’:

Gie Deeflen di Fadiouth – Raggruppamento di 100 donne impegnate nella trasformazione del miglio e nel giardinaggio biologico. Il miglio trasformato dalle donne di Fadiouth è oggetto di interesse di Slow Food nel programma di promozione dei prodotti locali da mettere in valore. Tra le attività svolte dalle donne della gie anche quella di produzione di medicinali tradizionali, a base di elementi presenti in natura come aloe vera e miele. (Tipo di coinvolgimento: vendita servizi di ristorazione e prodotti di medicina tradizionale).

Associazione Otewo di Palmarin, Otewo in lingua serere significa donna.  Ed è proprio sapienza delle donne ricavare deliziosi prodotti dai frutti che la natura regala ancora generosamente alla comunità di Palmarin. Si producono sciroppi concentrati di tamarindo e bissap, succhi di zenzero, anacardi e buy (la polpa bianca contenuta nelle ghiande del baobab) e anche marmellate di mango e papaya. (Tipo di coinvolgimento: vendita succhi, marmellate e sciroppi centrati, saponi e creme naturali a base di karité, miele e aloe vera).

Il museo della tradizione di Palmarin – nato da un’iniziativa privata di un abitante del villaggio sensibile alla preservazione della tradizione, è un luogo semplice ma impeccabilmente curato. Custodisce la memoria dell’originale stile di vita locale, raccontata attraverso l’ esposizione di antichi oggetti d’artigianato utilizzati dagli abitanti del villaggio per cacciare, pescare, cucinare o per la lavorare il cotone, che un tempo veniva coltivato nella zona e con cui si tessevano i vestiti di tutti gli abitanti del villaggio. L’obiettivo è anche quello di impedire la razzia di oggetti d’antiquariato da parte dei turisti,  per restituir loro la giusta dignità culturale e storica, mettendoli in grado di produrre reddito a lungo termine, in cambio di conoscenza culturale. (Tipo di coinvolgimento: vendita prodotti culturali).

L’ente locale per il turismo di Joal Fadiouth, Syndicat d’initiative et de tourisme, fornirà l’assistenza durante il soggiorno a Joal Fadiouth. Le guide e la corporazione dei piroghieri locali, a turnazione, accompagnano i gruppi nei tour della laguna e delle isole. Una guida preposta farà da facilitatore locale durante gli incontri con i GIE delle donne a Fadiouth. Ancora, le guide, membri del comitato di gestione della AMP, saranno gli accompagnatori durante le escursioni di conoscenza naturalistica nel territorio della Area Marina Protetta di Joal Fadiouth. (Tipo di coinvolgimento: vendita servizi turistici)

L’ente locale per l’ecoturismo di Palmarin e la direzione dei Parchi Nazionali locale La Maison de l’ ecotourisme di Palmarin si avvale di una corporazione di eco-guide formate in botanica e con conoscenze specifiche relative alla flora e alla fauna autoctone della riserva comunitaria di interesse naturalistico di Palmarin, protetta dall’ente dei Parchi Nazionali. Dotato anche di una piroga, l’ente per il turismo locale collaborerà anche all’organizzazione delle eventuali escursioni nel delta del Sine Saloum. (Tipo di coinvolgimento: vendita servizi turistici).

Altri beneficiari delle ricadute economiche dirette derivanti dagli itinerari organizzati da dalla nostra assocciazione sono:

  • Artigiani di Rufisque (falegnami appartenenti alle famiglie di pescatori lebou).
  • Artigiani di  Joal Fadiouth (vendita tessuti e di abiti di sartoria; è possibile anche farseli fare su misura)
  • Artigiani dei quartieri popolari di Dakar (vendita di sandali artigianali, strumenti musicali tradizionali, generi alimentari locali, tessuti, accessori in ebano ecc.)
  • Personale e gerenti delle strutture ricettive a conduzione famigliare locale.
  • Trasporti locali, quali auto, pulmini, taxi, piroghe, traghetti, calessi …pubblici o privati, di proprietà senegalese (e con autisti o conduttori locali), comodi e sicuri, affittati ad hoc per i gruppi di turisti.

ALTRE INIZIATIVE IN FASE DI AVVIAMENTO E DA SOSTENERE A PALMARIN:

- Sostegno al post de santé (ambulatorio locale) per la lotta alla malaria: acquisto di zanzariere e sensibilizzazione all’uso corretto dello strumento deterrente.

- Sostegno all’ ecoturismo: acquisto di biciclette e kayak da noleggio.

- Sostegno per il completamento di un ristorante-boutique/negozio Equo Solidale rivolti non solo al pubblico turistico. I Fornitori del centro alimentari e artigianato equo e solidale sono una rete di giovani agricoltori, allevatori, pescatori, artigiani e cooperative di donne trasformatrici di frutta, verdura e prodotti alieutici, della comunità rurale locale.  L’obiettivo è di creare nuovi posti di lavoro nella ricettività turistica responsabile del villaggio e promuovere l’utilizzo di prodotti alimentari il più possibile biologici e di buona qualità, prodotti/allevati/raccolti e trasformati a chilometro zero. Fa parte del progetto anche una piccola boutique che propone, oltre ad oggetti d’artigianato locale, anche cosmetici naturali come oli di karité o baobab, succhi di frutta, frutta e verdura fresche, provenienti dagli orti o dalle attività dei soci, soprattutto dal lavoro delle donne. Il progetto ha come obiettivo finale anche quello di dare una nuova opportunita commerciale a produttori/ artigiani/artisti locali.

Per ulteriori informazioni info@viaggisenegal.it

Leggi di più: articolo situazione Senegal febbraio 2012